Le Ostriche

Origine

Le ostriche sono presenti in diverse aree marittime come il Mediterraneo (compresa l’Italia) e l’Atlantico nord orientale, ma quelle più conosciute sono originarie delle coste francesi.
Tra le zone di allevamento più riconosciute dai consumatori si annovera la
Bretagna e Merennes-Oléron anche se esistono allevamenti in Normandia e Corsica.

Le ostriche concave

Ostrica concava

L’ostrica concava (Crassostrea gigas) originariamente come Ostrica concava del Pacifico si è diffusa nell’Atlantico nord orientale e successivamente anche nel Mediterraneo, è diffusamente allevata in Francia risultando il tipo di ostrica più allevata al mondo.

Hanno una forma più allungata e bombata, crescendo più facilmente sono le più diffuse.

Alla degustazione si presenta una salinità più spiccata ed un sapore più marcato, ma essendo molto carnose, sono molto apprezzate dal pubblico.

Le ostriche francesi concave si classificano in:

  • Fines: affinate almeno 1 mese in mare aperto
  • Spèciales: affinate almeno 2 mesi in mare aperto
  • Pousse: affinate da 4 a 8 mesi in mare aperto

Queste ostriche, se affinate in classici bacini di acqua dolce poco profondi e argillosi prendono il nome di “De Claire”. Se affinate nei bacini con presenza dell’alga blu prendono il nome di “Vert”.

Le ostriche piatte

Ostrica piatta

L’ostrica piatta vive attaccata agli scogli litorali ed è comune nel Mar Mediterraneo, Oceano Atlantico e Mare del Nord.
Viene allevata in località come Taranto, La Spezia e in Francia lungo la costa della Normandia, della Bretagna e in Corsica.

L’ostrica piatta ha una forma quasi rotonda, ed un diametro massimo di 10 cm. È caratterizzata da un gusto intenso ma al contempo delicato.
Esistono 2 sottospecie che si suddividono a seconda della zona di allevamento:

  • Le Bèlon, caratterizzata da carni bianche e che vive in un’area dove l’acqua di mare si mescola alla foce del fiume.
  • Le Marenne, dotata di una carne estremamente particolare, dal colore verdastro dovuto alla presenza di una particolare alga blu nei bacini dove viene allevata.
Ostrica Perla Nera

Scopri le nostre ostriche

Le Zone FAO

Si sente parlare di zone FAO soprattutto quando si tratta di prodotti della pesca, ma cosa sono e come si distinguono?

Le zone FAO sono aree geografiche definite dall’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura, in inglese Food and Agriculture Organization (FAO).
Si distinguono per numero e descrizione e sono da indicare in caso di prodotti pescati in modo che il consumatore abbia insieme a tutte le altre informazioni quali: nome commerciale, nome scientifico, attrezzi di pesca, tipo di cattura; anche quelle sulle zone di pesca, per riconoscere un prodotto e la sua origine.

Quali sono le Zone FAO?

Mappa Zone FAO

Di seguito l’elenco delle zone FAO e la loro descrizione.
Per le zone FAO 27 e FAO 37 si prevede l’indicazione delle sotto-zone e divisioni per meglio definire l’origine del prodotto pescato.

FAO 18 Mar Artico
FAO 21 Atlantico nord-occidentale
FAO 27 Atlantico nord-orientale e Mar Baltico e le sue sotto-zone
FAO 31 Atlantico centro-occidentale
FAO 34 Atlantico centro-orientale
FAO 37 Mediterraneo e Mar Nero e le sue sotto-zone
FAO 41 Atlantico sud-occidentale
FAO 47 Atlantico sud-orientale
FAO 48-58-88 Oceano Antartico
FAO 51-57 Oceano Indiano
FAO 61-67-71-77-81-87 Oceano Pacifico

La Zona FAO 27 – Atlantico nord-orientale e Mar Baltico

FAO 27 – sotto-zone e divisioni
  • Sottozona I Mare di Barents
  • Sottozona II Mar di Norvegia, Spitsberg e isola degli Orsi
    • Divisione II a Mar di Norvegia
    • Divisione II b Spitsberg e isola degli Orsi
  • Sottozona III Skagerrak, Kattegat, Sund, Belt e Mar Baltico; Insieme il Sund e i Belt sono noti anche con il nome di Zona di transizione
    • Divisione III a Skagerrak e Kattegat
    • Divisione III b,c Sund e Belt o Zona di transizione
    • Divisione III b (23) Sund
    • Divisione III c (22) Belt
    • Divisione III d (24-32)Mar Baltico
  • Sottozona IV Mare del Nord
    • Divisione IV a Mare del Nord settentrionale
    • Divisione IV b Mare del Nord centrale
    • Divisione IV c Mare del Nord meridionale
  • Sottozona V Fondali dell’Islanda e delle Faer OEer
    • Divisione V a Fondali dell’Islanda
    • Divisione V b Fondali delle Faer OEer
  • Sottozona VI Rockall, Costa nord-occidentale della Scozia costa dell’Irlanda settentrionale; la costa nord-occidentale della Scozia e la costa dell’Irlanda settentrionale sono altresì denominate Fondali ad occidente della Scozia
    • Divisione VI a Costa nord-occidentale della Scozia e costa dell’Irlanda settentrionale o Fondali ad occidente della Scozia
    • Divisione VI b Rockall
  • Sottozona VII Mar d’Irlanda, Fondali ad occidente dell’Irlanda, Banco del Porcupine, la Manica orientale e occidentale, Canale di Bristol, Celtic Sea settentrionale e meridionale e Fondali a sud-ovest dell’Irlanda – orientali e occidentali
    • Divisione VII a Mar d’Irlanda
    • Divisione VII b Fondali ad occidente dell’Irlanda
    • Divisione VII c Banco del Porcupine
    • Divisione VII d La Manica orientale
    • Divisione VII e La Manica occidentale
    • Divisione VII f Canale di Bristol
    • Divisione VII g Celtic Sea settentrionale
    • Divisione VII h Celtic Sea meridionale
    • Divisione VII j Fondali a sud-ovest dell’Irlanda – orientali
    • Divisione VII k Fondali a sud-ovest dell’Irlanda – occidentali
  • Sottozona VIII Golfo di Biscaglia (o di Guascogna)
    • Divisione VIII a Golfo di Biscaglia (o di Guascogna) settentrionale
    • Divisione VIII b Golfo di Biscaglia (o di Guascogna) centrale
    • Divisione VIII c Golfo di Biscaglia (o di Guascogna) meridionale
    • Divisione VIII d Fondali al largo del Golfo di Biscaglia (o di Guascogna)
    • Divisione VIII e Fondali ad ovest del Golfo di Biscaglia (o di Guascogna)
  • Sottozona IX Acque portoghesi
    • Divisione IX a Acque portoghesi orientali
    • Divisione IX b Acque portoghesi occidentali
  • Sottozona X Fondali delle Azzorre
  • Sottozona XII Fondali a nord delle Azzorre
  • Sottozona XIV Fondali ad est della Groenlandia
    • Divisione XIV a Fondali a nord-est della Groenlandia
    • Divisione XIV b Fondali a sud-est della Groenlandia

La Zona FAO 37 – Mediterraneo e Mar Nero

FAO 37 – sotto-zone e divisioni
  • Sottozona 37.1 Mediterraneo occidentale
    • Divisione 37.1.1 Baleari
    • Divisione 37.1.2 Golfo del Leone
    • Divisione 37.1.3 Mar di Sardegna
  • Sottozona 37.2 Mediterraneo centrale
    • Divisione 37.2.1 Mar Adriatico
    • Divisione 37.2.2 Mar Ionio
  • Sottozona 37.3 Mediterraneo orientale
    • Divisione 37.3.1 Mar Egeo
    • Divisione 37.3.2 Levante
  • Sottozona 37.4 Mar Nero Divisione
    • 37.4.1 Mar di Marmara
    • Divisione 37.4.2 Mar Nero Divisione
    • 37.4.3 Mar di Azov